In primo piano Altre news Appuntamenti in agenda

Altre news

25/11/2016

DONNE. "Contro la violenza serve mobilitazione e diffondere cultura del rispetto della persona".

In occasione del 25.11 e La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, Cisl di Vicenza riflette su quanto sia fondamentale la tutela dell’integrità dell’identità e quanto sia importante avere il senso del limite nell’usare le mani che servono per un sacco di attività, più o meno creative, ma non di sicuro per colpire il corpo femminile, come ultimo stadio l'uomo non riesce a gestire parole e dialogo.
Alcuni dati. Ogni 3 giorni una donna viene uccisa. Da Gennaio ad oggi sono 116 le donne che non sono riuscite a sopravvivere all’orco, che la maggior parte delle volte è all’interno proprio del luogo che per definizione è il valore massimo di protezione, sicurezza, amore. La Famiglia. A Vicenza il centro anti violenza del Comune solo nel mese di ottobre è stato contattato da 20 nuove donne in difficoltà, il 67% dei maltrattamenti sono subiti da donne di nazionalità italiana, mentre il restante 33% da nazionalità straniere.
Ancora tante sono le donne non autonome economicamente, che quindi attendono molto, troppo, prima di rivolgersi a qualcuno in cerca di aiuto; denunciare significa nuova abitazione, la ricerca di un lavoro, la gestione dei figli in un’ottica non più di coppia, e non tutte riescono ad averne il coraggio. Provano vergogna, quando la vergogna, dovrebbe essere ovviamente altrui.

Elena Camilot Responsabile Coordinamento Politiche di Genere Cisl di Vicenza ci tiene a precisare "Cisl di Vicenza vuole ricordare quanto sia fondamentale il rispetto dell’integrità della persona così come la vicinanza alle donne vittime di violenza. Come Coordinamento politiche di genere lavoriamo per essere particolarmente vicine a tutte le donne che subiscono molestie e violenze nei luoghi di lavoro."