In primo piano Altre news Appuntamenti in agenda

In primo piano

23/01/2017

Alternanza scuola lavoro: gli studenti delle scuole vicentine in visita alla sede Cisl

Dallo scorso anno scolastico l’alternanza scuola lavoro (asl) è diventata obbligatoria, come previsto dalla legge di riforma del sistema di istruzione (legge 107/2015), per tutti gli studenti degli ultimi tre anni della scuola secondaria di secondo grado (scuole superiori). Si tratta di una modalità didattica che integra l’istruzione con la formazione “on the job”, ossia svolta in un contesto lavorativo: per i ragazzi, uno strumento efficace di orientamento e insieme una prima opportunità di approccio al mondo del lavoro.

 

«Anche Cisl, con la collaborazione di Cisl Vicenza Servizi, è scesa in campo accogliendo la sfida di contribuire a rafforzare sul territorio i “ponti” tra scuola e lavoro – spiega Riccardo Camporese, della Segreteria di Cisl Vicenza –. Oltre che per visite aziendali alle proprie sedi, Cisl Vicenza è disponibile ad accogliere giovani studenti in esperienze di apprendimento pratico in asl presso le proprie categorie e i diversi servizi, secondo il protocollo sottoscritto dai sindacati a livello regionale con l’Ufficio scolastico regionale del Veneto».

Si è aperto così l’altra settimana il calendario di visite alla sede Cisl da parte di alcuni istituti superiori vicentini: primi a compiere la loro “visita aziendale” in viale Carducci per un’esperienza di alternanza scuola lavoro sono stati gli studenti della IV C del “S.Boscardin”, accompagnati dai loro insegnanti.

Si è trattato di un momento informativo e formativo che ha saputo coinvolgere in modo interattivo i giovani ospiti. Dopo una prima fase di accoglienza e introduzione generale, i ragazzi, suddivisi in piccoli gruppi, sono stati accompagnati in visita alle varie aree di lavoro: per loro un’opportunità per conoscere gli ambiti di attività di Cisl Vicenza (categorie sindacali, Ufficio legale, Caf, Servizi al lavoro, Inas, Adiconsum, Sportello colf e badanti,…), la finalità e le tipologie di utenti dei diversi servizi, infine di incontrare direttamente alcuni operatori e scoprire quali siano le competenze necessarie nello svolgimento delle loro diverse mansioni.

 

Per Cisl queste sono anche occasioni per mettersi in ascolto dei giovani, raccoglierne le testimonianze dirette e aver modo di “guardare” il sindacato attraverso i loro occhi. Qualcuno degli studenti di questa prima visita ha detto: Qualcuno ha detto: “Abbiamo visto persone che lavorano con passione: si vede che chi lavora qui lo fa perché gli piace” ,“…Qui si mette al centro la persona” , “Non pensavo che faceste tutte queste cose”,  “Uno poi viene qui e cambia idea …penso che il sindacato serva”.

È anche per loro, cittadini e lavoratori di domani, che siamo impegnati ogni giorno!